Complicare è facile, semplificare è difficile. Per complicare basta aggiungere, tutto quello che si vuole: colori, forme, azioni, decorazioni, personaggi, ambienti pieni di cose. Tutti sono capaci di complicare. Pochi sono capaci di semplificare

Bruno Munari (artista e designer italiano)
... amiamo la semplicità, riteniamo che la comunicazione debba essere pulita, diretta e immediata, sincera e senza fronzoli.

Il computer più nuovo al mondo non può che peggiorare, grazie alla sua velocità, il più annoso problema nelle relazioni tra esseri umani: quello della comunicazione. Chi deve comunicare, alla fine, si troverà sempre a confrontarsi con il solito problema: cosa dire e come dirlo

Bill Gates (imprenditore)
... sappiamo cosa dire e come dirlo, sappiamo farci ascoltare, sappiamo interpretare le esigenze del cliente e i bisogni dell'utente/target, e soprattutto sappiamo ascoltare.

Le anatre depongono le loro uova in silenzio. Le galline invece schiamazzano come impazzite. Qual è la conseguenza? Tutto il mondo mangia uova di gallina

Henry Ford (industriale)
... siamo condannati ed eletti alla comunicazione, dobbiamo comunicare, abbiamo bisogno di farlo. Oggi più che mai la presenza online di un'azienda è fondamentale, la comunicazione è in rete, gli utenti, i clienti, il possibile pubblico di interesse è in rete, ed è qui che bisogna urlare la propria presenza, generare interesse, favorire l'engagement, parlare di sè e far parlare di sè. Questo è quello che ci riesce meglio!

Comunicare non significa solo inviare informazioni all'indirizzo di un'altra persona. Significa creare negli altri un'esperienza, coinvolgerli fin nelle viscere e questa è un'abilità emotiva

Daniel Goleman (psicologo)
... anche leggere, osservare un'immagine, navigare su un sito web, può creare engagement. Se la scrittura è veicolo di piacere e di informazione, se un'immagine trasmette emozioni e sensazioni, se navigare un sito web si trasforma in un viaggio virtuale senza semafori rossi sulla strada della ricerca di quanto ci è necessario, allora, abbiamo raggiunto il nostro obiettivo, stiamo comunicando, e in modo multilaterale. La comunicazione per noi è informazione ed empatia.

La fortuna è quel momento in cui la preparazione incontra l'opportunità.

Randy Pausch (informatico)
... beh ci piace pensare che la fortuna delle aziende sia incontrare Delirpa, perchè siamo preparati e perchè sino ad oggi ci siamo sempre impegnati per creare opportunità.